Cacciari: “Onore a capitana SeaWatch che infrange legge Salvini”

“Ci sono delle leggi, è evidente che la conseguenza sia quella prevista dalle leggi. Ma questa del decreto sicurezza di Salvini è una legge ingiusta ed è un onore, per le persone di coscienza, trasgredirla in quanto ingiusta: averla violata va a tutto onore di questa capitana e a tutta vergogna di Salvini e dei suoi commilitoni”. E’ quanto afferma all’AdnKronos il filosofo Massimo Cacciari, commentando l’azione della capitana della ‘Sea Watch’ Carola Rackete che ha forzato il blocco ed è approdata con i 42 migranti al porto di Lampedusa.

“Quando una legge, sulla base della tua coscienza, è ritenuta del tutto iniqua, è un dovere trasgredirla – spiega Cacciari – Dunque, totale solidarietà nei confronti di chi infrange leggi che trasgrediscono principi fondamentali sanciti dal diritto internazionale. Il parallelo della SeaWatch con i migranti rispetto a un’ambulanza che trasporta un malato è del tutto evidente: un medico in stato di emergenza è giusto che vada in senso vietato e infranga il codice stradale”.

Un atto che porterà a riflettere, a rivedere le norme? “No, purtroppo no – risponde Cacciari – Oramai siamo governati da capre impazzite, con la Lega che agisce e M5s che resta zitto. Non cambierà nulla: finché non andranno a sbattere, non rivedranno un bel niente e si andrà avanti così”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *