Da che valori parte l’Europa?

Grazie Massimo Cacciari per questo “pezzo”, grazie di cuore..

Noi “partigiani schierati contro l’inciviltà “ non ci rassegnamo; continuiamo a combattere una battaglia per un’Europa come avevano sognata da “Ventotene”.

L’Europa, per noi, parte da quei valori che tu [Massimo Cacciari N.d.R.] hai magistralmente ricordato e riconfermato. La nuova Europa non poteva non aver compreso la propria responsabilità:
responsabilità di fronte al mondo (che non si fermano di certo al solo ultimo conflitto mondiale!) richiedono una incrollabile fermezza nel combattere sul nascere ogni forma di demagogia nazionalista e revanscista, ogni retorica volta a vedere in altre forme di vita o civiltà minacce o nemici.

L’Europa DEVE praticare i valori della solidarietà dell’uguaglianza di diritti e accoglienza.
Noi non ci rassegnamo al venir meno della solidarietà , della giustizia sociale!
Un’Europa siffatta tradisce, come giustamente affermi, il “giuramento” che aveva unito le nazioni dopo la Guerra.

La “sovranità nazionale” da cui il sovranismo si scontra con una realtà geopolitica “imperiale” che si è costruita in questi ultimi vent’anni (?) e con la quale sarà destinata a soccombere.

Carlo Viscardi

Leggi l’articolo di Massimo Cacciari “Nell’indifferenza al male finisce l’Europa, muore la politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *