Esclusiva Amazon: Liaquat Ahamed sul clima economico

Dal sito www.amazon.com.

Nel mese di dicembre 1930, il grande economista Maynard Keynes ha pubblicato un articolo in cui descrive il mondo come vivere “le ombre di una delle più grandi catastrofi economiche della storia moderna.” Il mondo era allora 18 mesi in quella che sarebbe diventata la Grande Depressione. Il mercato azionario è sceso di circa il 60% e l’utile era caduto a metà e disoccupati era salito dal 4% a circa il 10%. Se si prende la nostra situazione attuale, 16 mesi in recessione, stiamo nello stesso posto. Il mercato azionario è sceso del 50 al 60 per cento, i profitti sono in calo del 50 per cento, la disoccupazione è da 4,5% a più dell’8%. Nel corso dei prossimi 18 mesi tra gennaio 1930 e luglio 1932 sono crollate anche dell’economia mondiale. Lo ha fatto perché le autorità applicato la medicina sbagliata di quella che era una economia molto malato. Hanno lasciato il sistema bancario andare sotto, hanno cercato di tagliare il deficit di bilancio attraverso il contenimento della spesa pubblica e l’aumento delle tasse, si sono rifiutati di assistere il sistema bancario europeo, e hanno anche alzato i tassi di interesse. Non c’era da meravigliarsi l’economia globale sbriciolato. fortuna con il beneficio di quelle lezioni, ora sappiamo cosa non fare.Questa volta le autorità stanno applicando la medicina giusta:. Hanno tagliato i tassi di interesse a zero e sono tenerli lì, hanno salvato il sistema bancario dal collasso e hanno introdotto il pacchetto più grande stimolo nella storia E tuttavia non posso fare a preoccuparsi che il economia mondiale può ancora spirale verso il basso. Ci sono due aree in particolare, che mi tengono sveglio la notte. Il primo è il sistema bancario statunitense. Torna in autunno, le autorità riuscirono a impedire il crollo finanziario. Le persone non stanno tirando i soldi dalle banche più, anzi, si stanno mettendo i soldi trovi Il problema è che, come conseguenza delle passate sofferenze, il sistema bancario ha perso buona parte del suo capitale. Non c’è modo che l’economia può recuperare a meno che il sistema bancario è ricapitalizzata.Mentre ci sono molti problemi tecnici circa il modo migliore per fare questo, la maggior parte degli esperti concordano sul fatto che non sarà fatto senza una massiccia iniezione di denaro pubblico, forse il più 1000 miliardi dollari da te e me, il contribuente. Alle contribuenti il momento sono così furiosi per l’irresponsabilità dei banchieri che ci hanno messo in questo pasticcio che sono in vena di supportare più denaro per salvare le banche. Si sta andando a prendere uno straordinario atto di leadership politica per convincere l’opinione pubblica americana che il denaro, purtroppo, più è necessario per risolvere la crisi. La seconda area che mi tiene sveglio la notte è l’Europa. Durante gli anni della bolla immobiliare, i 13 paesi dell’Europa orientale che una volta erano parte dell’impero sovietico avevano la loro propria bolla. Adesso devo un gigantesco 1.300 miliardi dollari di dollari, gran parte del quale non saranno in grado di pagare. L’onere dovrà ricadere sui contribuenti dell’Europa occidentale, in particolare Germania e Francia. Negli Stati Uniti abbiamo almeno la coesione nazionale e l’apparato politico per ottenere newyorkesi e del Midwest a pagare per gli errori dei californiana e proprietari di immobili o Floridian per salvare una banca con sede in North Carolina. Non vi è alcun meccanismo simile in Europa. E c’è bisogno di leadership politica di altissimo livello da parte dei leader di Germania e Francia per convincere i contribuenti parsimoniosi e prudente per salvare le banche austriache temerari o proprietari di casa ungheresi. La Grande Depressione è stato in gran parte causato da una mancanza di volontà intellettuale: gli uomini in carica semplicemente non capiva come funzionava l’economia. Il rischio di questa volta è che una mancanza di volontà politica ci conduce in un cataclisma economico.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *