Il senso di un voto

di Carlo Viscardi- Arcipelago

Il 26 Maggio, dopo una campagna elettorale indecente e truffaldina ci viene  posto il quesito “vero”, determinante per il nostro futuro, per il futuro dei nostri figli:

E’ l’Europa quel “territorio abitato da un popolo e al quale ciascuno dei suoi componenti sente di appartenere per nascita, cultura, storia e tradizioni che possiamo chiamare Patria ?

Una Patria che, accanto ad una autentica sovranità  con un assetto federalistico comprendente quelle nazionali, costituisce  l’indispensabile risposta ad un “mondo globalizzato” fatto di “imperi” dai quali difendersi per non ridursi ad essere “acquistati” per pochi denari!?

E’ una risposta razionale che i cittadini sono chiamati a dare domenica 26 Maggio che richiama il valore, l’ethos (radice) di una..Patria Europea riconosciuta in Cina , in Russia , in America e in India..nel mondo.

Crediamo in uno spirito Europeo nel quale i nostri giovani si riconoscono da tempo  nonostante le tragedie del passato.

Le mitologie nazionalistiche producono ( hanno sempre prodotto!!) in Europa solo egostiche chiusure identitarie, vuote retoriche se non miserabili razzismi. (1)

Il mondo che stiamo vivendo subisce e subirà enormi trasformazioni oggi forse neanche immaginabili  e se l’Europa ( i cittadini europei) non recupera la sua “mission” : “è suo destino farsi mondo” ..l’Europa è in navigazione o non è. (1) la sua  disgregazione è dietro l’angolo.

E’ un battaglia politica ideale quella che abbiamo chiamato “Unione Europea Federale ”; una battaglia con un obiettivo ben più importante dello sviluppo di scienza,  di tecnica ed economia è una battaglia che richiama il senso del dovere, della responsabilità.

Non è un’invenzione od una astratta utopia ma un mito per la rifondazione di un’ UNIONE EUROPEA FEDERALE.

Le forze sovraniste e populiste hanno chiaro l’obiettivo di un’Europa sicuramente non forte a seguire gli  interessi degli “Imperi”.

Solo battendo queste forze e puntando ad una nuova fase costituente per un Europa potremmo pensare di creare un mondo migliore per i nostri figli.

Massimo Cacciari L’Espresso n.21 -19 Maggio 2019

Arcipelago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *