La pandemia di Covid è l’ occasione di trasferire il mercato in caserma

(di Francesco Giannattasio)-

Ci voleva la pandemia del corona virus  per spostare il mercato da piazza xx settembre  al piazzale della caserma Giorgi , eax sede dei famigerati  carristi “Leoni di Liguria”. La nuova ubicazione è naturalmente provvisoria  per far fronte alle esigenza di prudenziale sicurezza  , ma può anche essere un’occasione  di prova e confronto per una futura sistemazione,  definitiva e forse  più concreta.

Se ne è   discusso parecchio  nelle   precedenti amministrazioni,   ma i pro ed i contro    impedirono  la decisione.  Si  è sempre   soprasseduto  in attesa   di una    opinione pubblica favorevole, sopratutto quella   commerciale .

Le amministrazione passate sono  state sempre attente agli umori  dei cittadini e dei  commercianti di via Roma;   ma  erano frenati sopratutto,  da un timore più ampio :   danneggiare la vivacità del centro storico ed accrescerne il declino residenziale. Nella parte vecchia vi  è ancora  un patrimonio urbanistico non in grado  di soddisfare completamente le esigenze  che  si richiedono alle  residenze attuali.

E’ risaputo da tutti che il  mercato mette in   movimento  una quantità di  merce e persone  con il coinvolgimento  delle attività stabili in loco .

Crea  condizioni d’incontro per nuove  iniziative e transazioni ma  è anche l’occasione per  valorizzare  e proporre   merce  e servizi.

Ha un  grande attrattivo   e  in simbiosi con la pubblicità della merce esposta nelle vetrine  dei negozi , offre una varietà di acquisti per chi proviene   da ogni luogo .  Inoltre è anche  un giorno  particolarmente favorevole per gli esercizi di ristoro e servizi.

Nella città, nonostante lo scarso assembramento , la questione viene  animatamente discussa ed argomentata , sostenuta o rigettata  a secondo dei relativi interessi .

Chi parla a favore del commercio  del centro storico   sostiene le argomentazioni delle vecchie amministrazioni mentre i residenti sono alquanto suddivisi  con argomentazioni che privilegiano la quiete , preferendo una condizione più residenziale  con un commercio di qualità pedonale come per via Girardendo.   Altri temono che il nuovo posizionamento possa  accelerare il corso di un declino di per se già in atto.

E’ noto, da tempo,  che Il piccolo commercio  deve misurarsi con la spietata concorrenza della grande distribuzione  e questa calamità  non può che peggiorarne le condizioni. Si   profila anche la consistente espansione del commercio online  che non tarderà a creare nuove problematiche, e non  solo al piccolo commercio. Su questo aspetto la politica e le rappresentanze  di categoria , dovrebbero interrogarsi e cominciare a programmare eventuali sviluppi, in modo da indirizzarne le soluzioni verso condizioni temporali,  sostenibili e di progresso.

Per la città, nel  complesso  il mercato allocato all’interno  della caserma  è   una evoluzione  di praticità sia per gli ambulanti che per i cittadini acquirenti   e , in pratica  riavvicinerebbe il mercato  alimentare di via Garibaldi . Ma grazie all’enorme spazio del piazzale,  della caserma, che consente  sicurezza e facilità di svolgimento  delle attività , superiore  alla piazza XX  settembre , verrebbe  facilitata dalle forze dell’ordine , l’azione  di prevenzione    scoraggiando a le attività delittuose.

Ne trarrebbe benefico anche la viabilità urbana che non verrebbe disturbata da intralci vari alla circolazione di veicoli   e pedoni.  Darebbe un assetto più ordinato  ai commercianti ambulanti  che , con la disponibilità  di maggior spazio si  amplierebbero   a maggior profitti   che,  si  estenderebbe  anche al  commercio locale.   Questo  ne potrebbe  trarre insperati benefici da una condizione di  ordinata disposizione e facilità di movimento.

L’attuale classe politica , ha l’occasione propizia alla soluzione,   anche  in considerazione che nell’esecutivo possono giovarsi di un vero   esperto  in commercio   . Costui  Saprà , certamente

dar estro alla sua esperienza e programmare un’ efficacia  articolazione per una soluzione temporale  appropriata quando efficace?   Non dovrebbe essergli  difficile   far progredire l’interesse   del commercio in un contesto armonioso di città .Dimostrerà  nei fatti   che le

soluzioni possibili si possono attuare anche  quando si è in maggioranza  smentendo  le dicerie che le soluzioni si hanno solo quanto si è all’opposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *