Currently browsing tag

economia

La forza e la debolezza del Premier

( di Luca Ricolfi- da http://www.lastampa.it/)- E’ passato quasi un anno da quando Renzi e i suoi hanno dato il benservito alla vecchia guardia. Da allora di Bersani, Bindi, D’Alema, Prodi, Veltroni, si parla pochissimo. E per la verità pochissimo si parla anche di Enrico Letta e Angelino Alfano, appena più …

Qualcosa e’ cambiato

(di Luca Ricolfi- da http://www.lastampa.it/)- Nell’ultima settimana qualcosa è cambiato. E’ cambiata la situazione, perché tutti gli organismi internazionali e i centri studi hanno smesso di scommettere sulla ripresa italiana: il 2014 sarà ancora un anno di recessione, e il 2015 chissà. Ma è cambiata anche la risposta della politica, almeno …

Con il “nuovo Pil” la politica lancia un messaggio devastante

(Enrico Rossi presidente regione toscana- da http://www.huffingtonpost.it/)- Chissà cosa direbbe oggi Robert Kennedy di fronte alla decisione di includere nel calcolo del Pil alcune forme di economia criminale. Sapendo che le attività illegali rappresentano nel nostro paese un punto di forza rispetto all’Europa, si è diffusa in Italia una attesa piena di speranza …

Il costo delle riforme mancate

(di Luca Ricolfi-da http://www.lastampa.it/)- La lezione è semplice. Renzi ha la testa dura, ma i numeri hanno la testa ancora più dura. Sbeffeggiata dal premier fino a pochi giorni fa, l’economia si sta riprendendo un’amara rivincita. L’Istat ha annunciato che l’Italia è di nuovo in recessione (altroché ripresa nel 2014!), lo spread …

Mirare in alto, a un vero cambiamento del Paese

(di Luca Ricolfi – www.lastampa.it)- Il giudizio della storia sui condottieri, siano essi generali, leader politici o militanti rivoluzionari, non dipende quasi mai dal modo, più o meno sbrigativo, in cui conquistano il potere, ma dall’uso che ne fanno una volta saliti al comando. Così sarà per Matteo Renzi, che …

A PROPOSITO DI JOB ACT

(di Stefano Fassina)- La bozza del Decreto Lavoro va cambiata a fondo. Il Jobs Act ha promesso un contratto a tutele crescenti. Ha portato invece un contratto a precarietà permanente. Va rivista la acausalità. Va ridotto il numero delle reiterazioni consecutive. Otto contratti in tre anni vuol dire contratti di …

Keynes e i fallaci presupposti del liberismo darwiniano

(da keynesblog)- Liberiamoci dai principi metafisici del liberismo” – scrive Keynes in La fine del Laissez-faire nel 1926 – “Non è una deduzione corretta dai principii di economia che l’interesse egoistico illuminato operi sempre nell’interesse pubblico”. L’evoluzione darwiniana, basata sulla sopravvivenza del più adatto attraverso la morte, la fame e la carestia, non …