Currently browsing tag

elezioni

Responsabilità

Arcipelago- Un principio che “anche” chi governa non può assolutamente sottovalutare, sottostimare è il principio di Responsabilità. Se questo è vero è molto, molto difficile pensare ad un voto a breve; le “urla” e i “gemiti” dei due sodali governanti possono essere ricordati tuttalpiù come una tecnica, ormai collaudata, atta …

Il senso di un voto

di Carlo Viscardi- Arcipelago Il 26 Maggio, dopo una campagna elettorale indecente e truffaldina ci viene  posto il quesito “vero”, determinante per il nostro futuro, per il futuro dei nostri figli: E’ l’Europa quel “territorio abitato da un popolo e al quale ciascuno dei suoi componenti sente di appartenere per …

Hanno abboccato

di Gianluca Veronesi- Arcipelago A me piacciono le parole. Quelle azzeccate, chirurgiche, funzionali, eleganti, appuntite, spigolose, desuete, alla moda, scomode, spiazzanti, morbide, riconcilianti etc. etc. Uno dei luoghi di loro elaborazione è la politica. Non a caso un comune modo di dire sostiene che la politica  “sa fare solo parole”. …

PARISI:”RENZI, UN CAMBIO DI PASSO”

(intervista a Claudio Matricardo, Yitali.com)- Parliamo con Arturo Parisi, dopo il brutto risultato, per il Pd, delle amministrative di domenica,  a partire da un dato politico, ai più evidente, secondo cui il renzismo ha subito una battuta d’arresto. Qualcuno si spinge a dire che la sua spinta si è esaurita. È così, professore? Approfittando …

Elezioni Amministrative e dintorni

(di Arcipelago)- Penso che le elezioni amministrative 2016 saranno ricordate non tanto per la vittoria del Movimento 5 stelle quanto per un “voto” anti-sistema”. Non è stato infatti sconfitto soltanto questo o quel partito come si affrettano a sostenere i “politici” ma  un sistema nel suo complesso. ( “ l’elettorato …

Raggi, Appendino e la società dei mediocri

(di Paolo Ercolani- da http://ilmanifesto.info/)- La nostra è l’epoca in cui, per citare Paul Ricoeur, all’ipertrofia dei mezzi corrisponde un’atrofia dei fini. In cui la sfavillante opulenza informativa produce, all’atto pratico, una desolante indigenza conoscitiva. Sappiamo che dobbiamo andare, desideriamo ardentemente farlo, siamo programmati dalla grande industria culturale per muoverci in …