Currently browsing tag

europa

Il gran peso delle parole. Debito e colpa, Europa e nostro domani

(di Luigino Bruni)- Questi genealogisti della morale si sono mai, sino a oggi, anche solo lontanamente immaginati che, per esempio, quel basilare concetto morale di ‘colpa’ ha preso origine dal concetto molto materiale di ‘debito’?». In questa famosa frase della ‘Genealogia della morale’, Friedrich Nietzsche sottolineava lo strettissimo rapporto che …

Palano, democrazia con le ore contate?

(da https://cattolicanews.it/)- Si può parlare di crisi della democrazia? La domanda non è fuori luogo se è vero che solo fino a pochi anni fa nessuno dubitava che le democrazie consolidate potessero essere a rischio. «Si individuavano dei problemi di efficienza e di scarsa fiducia ma le basi dei sistemi democratici …

Time’s up- Il tempo è scaduto

Arcipelago- TIME’S UP Il tempo è scaduto   Il sovranismo, nelle condizioni geopolitiche attuali, produce per logica necessità la subordinazione quando non sottomissione a questo o quell’impero. Un reale forma di sovranità nazionale potrà essere difesa dai nostri Paesi soltanto in quanto essi facciano parte di  una reale Unione  Europea.. …

Il senso di un voto

di Carlo Viscardi- Arcipelago Il 26 Maggio, dopo una campagna elettorale indecente e truffaldina ci viene  posto il quesito “vero”, determinante per il nostro futuro, per il futuro dei nostri figli: E’ l’Europa quel “territorio abitato da un popolo e al quale ciascuno dei suoi componenti sente di appartenere per …

Hanno abboccato

di Gianluca Veronesi- Arcipelago A me piacciono le parole. Quelle azzeccate, chirurgiche, funzionali, eleganti, appuntite, spigolose, desuete, alla moda, scomode, spiazzanti, morbide, riconcilianti etc. etc. Uno dei luoghi di loro elaborazione è la politica. Non a caso un comune modo di dire sostiene che la politica  “sa fare solo parole”. …

Perché i trent’anni di Maastricht non hanno distrutto l’Italia

di Bruno Soro- Arcipelago «I grandi eventi storici sono spesso dovuti a variazioni nello sviluppo demografico e ad altre cause economiche fondamentali; ma poiché per il loro carattere graduale queste sfuggono all’attenzione degli osservatori contemporanei, tali eventi sono attribuiti alle follie di statisti o al fanatismo di atei». John Maynard …